Nonostante le restrizioni Covid, a Spotorno torna il mercato al completo

Concessa la presenza ad altri banchi oltre a quelli alimentari e florovivaistici

Condividi

Spotorno. Una bella giornata di sole, questo pomeriggio, ha accolto il ritorno a Spotorno del mercato al gran completo, nonostante le due settimane in zona rossa e le regole stringenti del governo emanate pochi giorni fa per contenere l’epidemia da Coronavirus.

Le norme del governo Draghi impedivano a determinate categorie di poter vendere la propria merce su suolo pubblico, norme che alcuni comuni hanno deciso di interpretare anche in maniera più dura concedendo di svolgere il mercato solamente ai banchi alimentari e florovivaistici. Una cosa che però non è avvenuta nel paese amministrato da Mattia Fiorini, dove oggi è tornato il mercato al completo che ha ospitato anche banchi di vendita di vestiario e non solo.

“La scelta l’abbiamo presa dopo esserci confrontati con il Comandante della Polizia Locale e l’assessore al Commercio applicando il famoso allegato che cita testualmente il commercio ambulante e non essere così restrittivi. Innanzitutto perché queste categorie sono previste dal Dl, e poi perché insieme ai nostri operatori del mercato abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto di collaborazione”, ha spiegato il primo cittadino.

LEGGI ANCHE Covid, la protesta di un ristoratore spotornese: “Riapro sotto forma di Autogrill?”

Ma tutto questo, ha voluto sottolineare il sindaco, è avvenuto anche grazie all’aiuto degli Alpini con la locale sezione: “Col loro aiuto, di sensibilizzazione al rispetto delle regole e vigilanza, abbiamo rodato una fiducia reciproca che ci ha consentito di ritenere di non applicare ulteriori restrizioni”.

Ha poi concluso Fiorini: “In questo momento di emergenza, senza ulteriori elementi aggravanti, dove le riaperture delle attività sono viste come un segnale di sollevazione psicologica cerchiamo di incentivare la ripresa. Abbiamo gli spazi, ci stiamo vaccinando, gli ambulanti sono persone con cui abbiamo un ottimo rapporto professionale e quindi ci siamo sentiti in dovere di non essere più stringenti”.

Condividi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.