Spotorno, piazze a parchi cittadini nel degrado. Minoranza: “Finiti nel dimenticatoio dell’amministrazione” 

Spotorno, piazze a parchi cittadini nel degrado. Minoranza: “Finiti nel dimenticatoio dell’amministrazione” 

- in Spotorno


Spotorno. “Durante il consiglio comunale è stata discussa la nostra interpellanza riguardo lo stato dei parchi, piazze e periferie del paese: è andata in scena l’ennesima arrogante presa di posizione del vice sindaco nonché assessore ai Lavori pubblici, interpellato per la situazione di abbandono in cui versano le piazze e parchi cittadini, oltre che alle periferie, che oramai sono entrate nel dimenticatoio di questa amministrazione”.

Così il gruppo consiliare “Spotorno che Vorrei”, che torna all’attacco di giunta comunale e maggioranza consiliare.

“La risposta del vicesindaco Marina Peluffo è iniziata con un’accusa, nei nostri confronti, di aver fatto un “copia e incolla” di un nostro precedente interpello: accusa in effetti fondata, in quanto le problematiche evidenziate allora non sono state ancora risolte, anzi, si sono ulteriormente aggravate”.

“Nella propria risposta, infarcita di astio ed arroganza, per aver dovuto rispondere ad un interpello della minoranza, evidentemente perché nulla di quanto richiesto precedentemente dai cittadini è stato messo in opera, si è assistito ad una brutta pagina di politica locale dove invece di rispondere alle domande poste dai cittadini attraverso i propri rappresentanti in consiglio, ha schernito la minoranza, tacciandola di non conoscere il territorio, di non saper lavorare e di strumentalizzare il pensiero dei cittadini che chiedono risposte” aggiungono ancora gli esponenti di opposizione.

“Riteniamo, infatti, che lo stato di degrado raggiunto da piazza Rizzo, del parchetto a fianco a Villa Ombrosa e dai giardini centrali non sia all’altezza di un paese che dovrebbe avere nella vocazione turistica il proprio punto di forza: soprattutto in quest’anno di caldo eccezionale, dove le persone anziane e le mamme con passeggini proprio in quelle aree riparate dai pini dovrebbero trovare un po’ di refrigerio, e non sporcizia, pavimentazione dissestata in più punti, panchine usate come dormitorio”.

“Il vice sindaco non ha per altro risposto a tutte le domande poste, probabilmente disturbata dal dover dare spiegazioni sul proprio operato”.

“Proprio sulle panchine, a nostro dire vetuste e bisognose di manutenzione, la vice sindaco si è prodigata in un excursus, dall’architetto che le ha progettate alla ditta che le ha prodotte, di notevole interesse storico: immagino che, quando Spotorno avrà finalmente un “Museo del Turismo” da molti agognato, saranno ivi esposte e meta di pellegrinaggio”.

E ancora: “Altra tematica da noi portata all’attenzione del consiglio comunale, e molto sentita dai cittadini, è la presenza di cinghiali in paese: su questo argomento non è stata spesa una parola, quindi immaginiamo non sia degno di attenzione o di futuri progetti di soluzione”.

“Ci spiace per la pessima e brutta figura che ha fatto l’assessore ai Lavori Pubblici, ha perso un’occasione per dare dimostrazione di saper gestire il territorio, ed essere pronta a cogliere le istanze dei cittadini”.

“Stia tranquilla vice sindaco, che di qui alla fine del mandato, torneremo sulla questione dell’interpello, sapendo che Le disturba parecchio dover perdere il Suo prezioso tempo nel rispondere ai cittadini Spotornesi” conclude il gruppo “Spotorno che Vorrei”.

✍️ IVG.IT

Condividi

Facebook Comments