La minoranza: “Le multe non fermano il contagio”

La minoranza: “Le multe non fermano il contagio”

- in Spotorno

Spotorno. Con l’inizio della nuova stagione estiva, la prima in queste condizioni, non mancano anche i primi disagi per turisti e residenti che si ritrovano a girare per il paese dovendo rispettare le norme anti-coronavirus.

Primo fra tutti l’utilizzo della mascherina, come ricordano in un comunicato stampa le minoranze di Spotorno Che Vorrei, Spotorno Nel Cuore e Adesso Spotorno: “In questi giorni di inizio stagione turistica stiamo assistendo ad una recrudescenza di verbali a turisti e residenti di Spotorno che non indossano la mascherina anti Covid-19. Abbiamo, infatti, segnalazioni di verbali di 400 euro emessi anche a più persone della stessa famiglia. Crediamo sia compito dell’autorità locale far rispettare le regole, ma che esiste anche un metodo non repressivo o punitivo. Molte persone infatti non conoscono le ordinanze locali, che sono diverse da quelle emesse in altre località”, spiegano i tre gruppi guidati rispettivamente da Franco Bonasera, Matteo Marcenaro e Franco Riccobene.

“Ad esempio, i nostri agenti di polizia locale dovrebbero essere dotati di mascherine da regalare a chi non le indossa, anziché emettere immediatamente un verbale invitando, dopo aver accertato le generalità, a rispettare le regole locali. La multa non ferma il potenziale contagio mentre un rapporto collaborativo eviterebbe di proseguire senza mascherina”, prosegue la minoranza.

In conclusione, un suggerimento al sindaco Mattia Fiorini di non far “scappare” i turisti con atteggiamenti troppo severi, che sarebbe l’ultima cosa di cui hanno bisogno le attività locali dopo mesi di chiusura, come spiegano i tre gruppi. “D’altra parte il Sindaco dovrebbe rendersi conto che un atteggiamento di tale natura diffonde un clima pesante, disincentivando la scelta vacanziera nella nostra località. Dopo mesi di chiusura le attività hanno appena ripreso il lavoro è in molti casi i problemi economici sono evidenti. Si avrebbe, dunque, bisogno che i clienti non fossero spinti alla fuga dal paese, ma che potessero contare su un rapporto collaborativo con la pubblica amministrazione. Salvaguardare la salute pubblica è un dovere, che come gruppi di minoranza abbiamo sempre sottolineato, senza però castigare comportamenti assolutamente correggibili”.

Facebook Comments

You may also like

Cade da un albero a Noli, tedesco trasportato al San Paolo

Noli. Brutta caduta e impatto violento, questa mattina,