Edilizia scolastica, stanziati dalla Regione 3.5 mln di euro nel savonese. Toti e Scajola: “Scuole più moderne”

Edilizia scolastica, stanziati dalla Regione 3.5 mln di euro nel savonese. Toti e Scajola: “Scuole più moderne”

Laigueglia/Noli/Finale. Stanziati oltre 15 milioni di euro per il miglioramento degli edifici scolastici su tutto il territorio regionale. L’operazione coinvolgerà 14 scuole di ogni ordine e grado: nel savonese coinvolti i comuni di Laigueglia, Noli e Finale Ligure. I progetti sono stati individuati dalla Regione Liguria che, dopo un confronto con Comuni e Provincie, ha selezionato gli interventi che si trovano nello stato più avanzato di progettazione.

I lavori riguardano l’adeguamento sismico e l’efficientamento energetico degli edifici e verranno finanziati tramite i fondi del Pnrr. In particolare, in provincia di Savona sono stati finanziati progetti per oltre 3,5 milioni di euro, che riguarderanno: la “Badaro” a Laigueglia (975mila euro) e la scuola di Noli (1.330.000 euro) che ospitano dall’infanzia alla secondaria di primo grado, la secondaria superiore “ISS Finale Ligure” e la scuola “Migliorini” (1.268.892,76 euro) a Finale Ligure, per un totale di 350 studenti.

“Grazie ad uno stanziamento di oltre 15 milioni di euro – affermano il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore regionale all’edilizia scolastica Marco Scajola – potremo garantire edifici scolastici più moderni per oltre 3.000 studenti liguri. Queste risorse consentiranno di realizzare lavori importanti per i nostri ragazzi, che finalmente, dopo due anni di pandemia, sono tornati a seguire le lezioni in presenza. La scuola è la loro seconda casa e come Regione il nostro impegno è quello di garantire agli alunni, agli insegnanti e agli operatori scolastici un ambiente sicuro, confortevole e moderno”.

“L’obiettivo della Regione è investire i fondi in arrivo, non solo del Pnrr, in modo efficace ed efficiente, realizzando un’attenta analisi del fabbisogno esistente, per stimolare in modo significativo lo sviluppo economico del territorio, coniugandolo al rispetto dell’ambiente, alla tutela delle nuove generazioni e all’inclusione” concludono Toti e Scajola.

🖋 IVG.IT

Condividi