Appropriazione indebita, Gianni Spotorno fa scena muta

Appropriazione indebita, Gianni Spotorno fa scena muta

Entrato in tribunale alle 11, Gianni Spotorno ha fatto scena muta davanti al giudice avvalendosi della facoltà di non rispondere. Le accuse sono appropriazione indebita e autoriciclaggio, che nei giorni scorsi gli sono costati l’arresto ai domiciliari.

Il giudice che conduce le indagini preliminari ha inoltre firmato un’ordinanza di custodia cautelare. Stando a quanto scoperto dalla Guardia Di Finanza, Spotorno raggirava i suoi clienti promettendo anche interessi molto vantaggiosi, peccato che non fossero reali e anzi i soldi venivano usati per tutt’altro scopo. I clienti non si sono mai resi conto di nulla perché ricevevano resoconti falsificati.

Condividi