Spotorno, il piano per Natale: meno luci e più fondi per le persone in difficoltà

Fiorini annuncia: "Luci ridotte, con i soldi risparmiati creeremo un fondo Covid"

Condividi

Spotorno. In attesa di un Natale a dir poco surreale, il primo da quando è iniziata la pandemia globale da Coronavirus, i vari comuni italiani si preparano al meglio per affrontare le festività. Tra questi anche Spotorno che, come spiegato dal primo cittadino Mattia Fiorini, ha attuato un piano a favore dei cittadini.

“Sabato hanno cominciato ad installare le luci di Natale. In questo difficile 2020 l’Amministrazione ha investito sull’aiuto ai cittadini e alle attività produttive: buoni spesa, bonus affitto, sconto TARI e suolo pubblico e bando per il commercio. Anche le luci di Natale saranno ridotte. I risparmi andranno ad incrementare un fondo COVID a sostegno di tutti. É in un momento come quello che stiamo attraversando che bisogna unirci, e sostenerci a vicenda”, ha spiegato il sindaco.

Ma, l’invito principale, è quello di acquistare i propri regali di Natale nelle attività spotornesi, per far sì di sostenere l’economia locale. Ulteriore incentivo, come annunciato da Fiorini, dovrebbero essere tutti i parcheggi del paese che dall’8 dicembre al 7 gennaio diventeranno gratuiti.

Infine, l’invito alla cittadinanza a rispettare le regole anti-contagio: “Nell’attesa di quelle che saranno le imposizioni del prossimo DPCM per garantirci di passare le feste in sicurezza, ribadiamo a tutti di rispettare sempre le norme anticovid: Mascherina, distanza e igiene delle mani. Anche e soprattutto in quelle occasioni in cui è più facile ‘dimenticarsene’ come i momenti in compagnia passati al bar con gli amici. Evitiamo di assembrarci in centro o nei bar durante gli aperitivi, mettendo a rischio noi stessi ed in difficoltà i titolari delle attività che hanno il difficile compito di far rispettare le norme di sicurezza per i clienti e per i loro dipendenti. Con un pò di attenzione nel rispetto delle norme saremo più sicuri noi stessi e aiuteremo le attività economiche a rimanere aperte il più possibile : evitiamo scene che ci possono far tornare in zona arancione!”.

Condividi