Willy Monteiro, lettera commossa di Fossati ai familiari

Willy Monteiro, lettera commossa di Fossati ai familiari

Willy Monteiro è il ragazzo ucciso per futili motivi da un branco di bulletti, a Colleferro in provincia di Frosinone

Noli. In occasione dei funerali di Willy Monteiro, che si terranno oggi, il sindaco di Noli Lucio Fossati ha voluto scrivere una lettera ai familiari del ragazzo e all’ambasciata capoverdiana, per esprimere cordoglio e amarezza.

Il ragazzo, 20enne, è stato ammazzato pochi giorni fa da un branco di giovani per futili motivi. Si legge nella lettera di Fossati: “

“Come Sindaco di un paese che ha con Voi lo stretto e consapevole legame di un Gemellaggio ma anche come cittadino Nolese e, soprattutto, come italiano mi permetto queste poche righe di scuse per quanto di deplorevole ed infimo è accaduto a Colleferro. Un ragazzo di origini Capoverdiane barbaramente ucciso da quattro ragazzi italiani”.

E ancora: “Già, italiani come me, come la nostra Comunità Nolese. Già, quattro ragazzi italiani che, probabilmente, non hanno mai letto Dante, o Leonardo, o Manzoni o, più verosimilmente, non hanno mai letto, quindi non hanno mai scoperto che il popolo da cui proveniva quel ragazzo nacque per opera di un italiano che si chiamava Antonio da Noli, scopritore, colonizzatore e primo governatore di Capo Verde. Willy veniva da un popolo accogliente e pacifico, che non ha mai discriminato nessuno e non ha mai fatto guerre”.

Conclude: “Simili episodi, se da un lato suscitano indignazione e vergogna, dall’altro credo possano ulteriormente rafforzare quegli ideali di pace e di fratellanza che sono e saranno sempre parte fondamentale del patrimonio etico e culturale della Comunità Nolese e di tutto il popolo italiano.”

Condividi