Trasporto sanitario, Bergeggi dalla parte delle PA: “Bando va annullato”

Condividi

Bergeggi. Dopo il Comune di Spotorno, anche quello di Bergeggi si schiera dalla parte delle Pubbliche Assistenze e, più in particolare, della Croce Bianca di Spotorno che tra i territori che copre c’è appunto anche quello guidato da Roberto Arboscello.

“Pochi giorni fa, dopo un lungo braccio di ferro tra pubbliche assistenze, molte amministrazioni comunali da una parte e Regione dall’altra, era arrivata la notizia della sospensione del bando di gara da parte di Alisa riguardante il trasporto sanitario. Notizia che aveva fatto tirare un sospiro di sollievo a chi contestava quella gara, temendo che il servizio potesse finire in mano ai privati minando l’esistenza delle pubbliche assistenze e di quel tipo di volontariato, ma che non aveva soddisfatto fino in fondo, trattandosi di una sospensione”.

Continua Arboscello: “Il ruolo delle PA e della Croce Rossa Italiana è fondamentale, come i servizi che svolgono. Sono letteralmente insostituibili. Il bando di gara, oltretutto in contraddizione con la legge regionale, rappresentava una scelta scellerata e lo abbiamo denunciato fin da subito”.

Conclude il primo cittadino di Bergeggi: “C’è soddisfazione per la sospensione, ma non ci accontentiamo. E’ necessario chiudere qui la questione e annullare il bando”.

Condividi