“Operazioni sospette”, Azimut licenzia Gianni Spotorno

“Operazioni sospette”, Azimut licenzia Gianni Spotorno
Condividi

La notizia che arriva dalla sede centrale di Azimut – e riportata stamattina su La Stampa – ha del clamoroso: il vicesindaco Gianni Spotorno sarebbe stato licenziato dall’azienda per “operazioni sospette”.

Infatti, secondo il quotidiano, il vicesindaco (a ore potrebbe non esserlo più) avrebbe fatto “sparire” tre milioni di euro. La cifra però al momento non ha trovato conferme. Inoltre pare che pagasse gli interessi promessi – e poi non maturati – direttamente di tasca sua, generando alcuni sospetti nei clienti che hanno segnalato il tutto ad Azimut. Da lì l’azienda lo ha licenziato (14 marzo) e mandato una lettera a tutti i suoi clienti, spiegandone i motivi.

È bene usare il condizionale finché non ci sarà chiarezza, ma intanto stasera ci sarà una riunione della giunta per decidere il da fare. Ma l’ipotesi più scontata sono le dimissioni.

Condividi