Spotorno, siglata convenzione tra Comune e istituto comprensivo: “40mila euro per integrare l’offerta formativa”

Spotorno, siglata convenzione tra Comune e istituto comprensivo: “40mila euro per integrare l’offerta formativa”

Spotorno. E’ stata deliberata dalla giunta comunale la convenzione tra il Comune di Spotorno e l’istituto comprensivo Statale di Spotorno per l’integrazione del piano dell’offerta formativa e lo svolgimento di attività didattiche per l’anno scolastico 2021/22.

Il piano dell’offerta formativa (POF) è il documento costitutivo dell’identità culturale e progettuale che esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che l’istituto comprensivo adotta nell’ambito della sua autonomia, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi comunali, dalle diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti sul territorio e dalle associazioni anche di fatto dei genitori.

“L’amministrazione comunale, già da diversi anni, sostiene, senza che ciò costituisca un obbligo di legge, l’offerta formativa rivolta alla scuola dell’infanzia, primaria e secondaria a favore dei progetti integrativi alla didattica e anche attraverso la fornitura di attrezzature e strumenti per lo svolgimento di attività complementari e integrative dell’iter formativo dello studente – spiegano dal Comune di Spotorno -. Queste finalità sono quindi attuate grazie al trasferimento diretto di risorse economiche all’istituto comprensivo di Spotorno, risorse che sono state allocate in modo condiviso tra amministrazione e dirigenza scolastica, dopo un lavoro preciso e oculato per ottimizzare al meglio le risorse disponibili per le scuole di ogni ordine e grado operanti sul territorio, determinando i relativi stanziamenti nell’apposita griglia dell’integrazione al POF”.

Interviene così l’assessore Gian Luca Giudice con delega alla pubblica istruzione: “L’ottimo risultato infatti è stato raggiunto con una sinergia tra la dirigente Rosalba Malagamba dell’istituto comprensivo e gli amministratori del Comune di Spotorno. La convenzione sostanzialmente riguarda i finanziamenti finalizzati a progetti didattici/educativi per il rafforzamento dell’autonomia istituto comprensivo per un totale di 40 mila euro”.

“Il supporto economico viene spalmato, in modo concertato con la dirigenza scolastica, tra i plessi dell’infanzia, primaria e secondaria – spiega Giudice -. Saranno sostenuti diversi progetti per l’ampliamento dell’offerta formativa, come ad esempio la parte ambientale con la certificazione Eco-Schools da parte di FEE Italia (Foundation for Environmental Education, fondazione per l’educazione ambientale) e l’educazione civica con le attività del consiglio comunale dei ragazzi. Sarà mantenuta anche alta l’attenzione sui progetti di prevenzione ai disturbi dell’apprendimento, si valuterà la figura dello psicologo a scuola. La convenzione interessa anche attività di SOS didattico, la sicurezza in periodo di pandemia, la gestione alunni da parte della segreteria, la possibilità di acquistare arredi e device tecnologici a scopo didattico e l’ampliamento della biblioteca per i piccoli allievi della scuola dell’infanzia”.

“Inoltre, sempre nell’intesa con l’istituto comprensivo – aggiunge l’assessore -, viene previsto l’utilizzo di alcuni locali della scuola primaria per lo svolgimento del servizio educativo estivo, il campo solare, previsto nei mesi di luglio e agosto”.

“Questo fantastico risultato di condividere con la dirigenza scolastica una convenzione di 40 mila euro, pressochè unica nel nostro territorio considerate anche le dimensioni ridotte della comunità, nasce da un proficuo e costante dialogo tra amministratori e scuola – prosegue Giudice -. Il confronto che è stato formalizzato da quasi due anni con l’istituzione di un tavolo tecnico permanente in cui allo stesso tavolo, fisico o virtuale che sia, siedono amministratori, dirigente scolastico, insegnanti referenti di ogni plesso, rappresentanti genitori, consiglio di istituto, tecnici e funzionari del Comune, responsabili refezione scolastica e altri”.

“Al centro delle attività progettuali inserite nel POF si pone l’alunno, in tutte le sue dimensioni: fisico-corporea, psicologica, affettiva, relazionale e cognitiva. La progettazione del percorso di formazione è orientata all’acquisizione ed allo sviluppo delle conoscenze, delle abilità e delle competenze, all’apprendimento di nuovi mezzi espressivi, al potenziamento della capacità relazionali, all’educazione ai principi fondamentali della convivenza civile e democratica, al consolidamento dei saperi di base anche in relazione all’evoluzione sociale, culturale e scientifica della realtà contemporanea. Insomma tutto per i giovani cittadini che saranno il nostro futuro” conclude l’assessore.

🖋 IVG.IT

Condividi