Spotorno, domani parte la raccolta dei beni e dei fondi per l’Ucraina 

Spotorno, domani parte la raccolta dei beni e dei fondi per l’Ucraina 

- in Spotorno


Spotorno. Anche la città di Spotorno si unisce nella raccolta beni e fondi per le popolazioni colpite dalla guerra in Ucraina. In particolare, la raccolta dei materiali si terrà nei locali messi a disposizione dal Comune di Spotorno negli ex-locali dei servizi sociali del Comune di Spotorno, siti in Viale Europa 3 (di fronte alla scuola primaria Sandro Pertini). Qui sarà possibile donare dalle ore 15 alle ore 19 da giovedì 3 marzo a giovedì 10 marzo e sarà presenziato da volontari delle associazioni spotornesi ed amministratori.

“La drammatica situazione che sta vivendo la popolazione Ucraina, colpita dalla immane tragedia della guerra, ci colpisce nel profondo delle nostre coscienze. La pace, conquistata a cosi caro prezzo, deve essere invece patrimonio imprescindibile di ogni popolo. La comunità spotornese non si è mai tirata indietro e quando vi è la necessità di aiutare chi è in difficoltà si è sempre adoperata fino in fondo” afferma il sindaco Mattia Fiorini.

“Ieri sera la consulta delle associazioni con il presidente Antonio Marinelli e tutte le associazioni, l’amministrazione comunale e la scuola si sono immediatamente attivati per portare aiuto e dimostrare solidarietà alla popolazione Ucraina e per sancire un netto ‘No alla guerra, sì alla pace’” spiega il primo cittadino spotornese.

In questa prima fase è prevista la raccolta di beni come piumoni e coperte in pile, abbigliamento invernale per bambini e pannolini di diverse misure (sempre per bambini), assorbenti igienici, mascherine chirurgiche. Sarà anche possibile effettuare una donazione sull’IBAN IT96 A061 7549 5000 0000 4090 980 con la causale “EMERGENZA UCRAINA” e le risorse così recuperate saranno utilizzate per l’acquisto di farmaci e materiale per la prima infanzia.

“Il materiale sarà affidato, a cura della consulta delle associazioni spotornese, all’associazione savonese Pokrova con cui siamo in contatto e che giornalmente invia gli aiuti raccolti in Ucraina – dichiara Fiorini -. Ringraziamo il presidente della consulta per aver promosso questo primo intervento umanitario e siamo certi che Spotorno saprà dare un contributo importante”.

“In aggiunta a questa importante iniziativa per dire No alla guerra in Ucraina – aggiunge il sindaco – la scuola in sinergia con la ludoteca comunale Arbaxia e con l’amministrazione comunale si mobilitano e organizzano un flash mob presso il parco del Monticello”. L’appuntamento sarà per domani 3 marzo, dal campo di basket del Monticello alle ore 11.30. Interverranno il sindaco e gli alunni dell’istituto comprensivo che consegneranno all’amministrazione la bandiera della pace, siglata da ogni classe dell’istituto comprensivo, per dire no alla guerra.

Seguirà una lettura a tema da parte degli alunni ad evidenziare la fondamentale importanza della pace. A rafforzare il messaggio, proprio una alunna della scuola secondaria ha ricevuto, nella mattina del 1° marzo, un riconoscimento speciale per un suo elaborato presentato al concorso internazionale “Un poster per la pace” curato dal Lions Club.

Inoltre al centro del campetto verranno disposte diverse bandiere della pace lanciare insieme il nostro messaggio per la pace e di vicinanza alla popolazione Ucraina. All’evento sono invitati i consiglieri comunali e tante associazioni del territorio, coordinate dalla consulta per l’invio di aiuti umanitari nei territori interessati dal conflitto.

“Siamo vicini alla popolazione Ucraina, e ci stringiamo in particolare intorno ai nostri concittadini di origine ucraina che sono in profonda angoscia per quanto sta accadendo. In particolare ci stringiamo virtualmente intorno alla nostra concittadina che è in Ucraina proprio in questi tragici momenti, nella speranza che presto possa cessare la guerra e che la ragione prevalga sulla violenza. Sono certo che gli spotornesi, come sempre hanno fatto, non faranno mancare il loro aiuto e supporto” conclude il sindaco Fiorini.

📝 IVG.IT

Condividi

Facebook Comments