Spotorno 2021, Spiga e Bonasera: “Centrodestra unito per cancellare il grigiore di due amministrazioni di centrosinistra”

Spotorno 2021, Spiga e Bonasera: “Centrodestra unito per cancellare il grigiore di due amministrazioni di centrosinistra”

Spotorno. “Il centrodestra con Cambiamo, la Lega, F.lli d’Italia, Forza Italia, Liguria Popolare e Udc, governa la Regione ed il modello Toti ha ottenuto a Spotorno un successo rilevante con 1072 voti pari al 61,29% dei votanti contro i 613 voti della sinistra pari al 35,05% dei votanti. Un’alleanza da riproporre senza dubbio anche per le elezioni amministrative in generale ed a Spotorno in particolare”. Lo affermano Massimo Spiga e Francesco Bonasera di “Spotorno che Vorrei” dopo aver “letto con piacere le dichiarazioni di Angelo Vaccarezza circa la volontà che Cambiamo possa essere operativo anche a Spotorno”.

Dice Massimo Spiga: “La storia della politica spotornese degli ultimi anni dimostra come il paese esprima sempre una maggioranza di centro destra. Abbiamo avuto amministrazioni di centro sinistra esclusivamente perchè si sono presentate due liste di centro destra, una con capolista Francesco Bonasera e l’altra di rottura, con prima capolista Giancarlo Zunino e dopo Matteo Marcenaro. Per queste ragioni Bonasera, nonostante sia un candidato autorevole essendo tutt’ora vice presidente della Provincia, ed abbia tenuto onore all’impegno preso con i cittadini sedendo per due mandati nei banchi della minoranza, nel settembre del 2020 si incontrò con Zunino e facendo un passo di lato gli propose di fare il candidato sindaco del centro destra per cercare di dare al paese una lista unitaria”.

“Noi pensiamo che gli spotornesi chiedano alcune cose precise per le prossime elezioni: l’unità del centro destra; una lista fatta di persone serie ‘presentabili’, senza interessi personali; un programma puntuale e preciso che consenta il rilancio turistico economico del paese; un sindaco ed un’amministrazione al servizio del paese che viva tra la gente. Il nostro sforzo è quello di unire il centro destra spotornese, che dai numeri alla mano ha sempre avuto, negli ultimi 10 anni la maggioranza assoluta nel paese. Stiamo lavorando acremente per raggiungere questi obiettivi e siamo pronti a partire con i nostri candidati e con le nostre idee, disponibili a confrontarci con chi anche a Spotorno voglia portare avanti il ‘modello Toti’ che sta facendo tanto bene in Liguria, per dare a Spotorno un futuro diverso dal grigiore nel quale due amministrazioni di sinistra hanno portato il nostro territorio”.

“Riteniamo – concludono Spiga e Bonasera – che un nuovo frazionamento del centro destra agevoli indubbiamente solo il sindaco uscente ed auspichiamo che alle prossime elezioni gli elettori possano scegliere tra una lista di centro destra e una lista di sinistra perché nascondersi dietro il paravento di liste civiche ampie e di largo respiro, dove si troverebbero componenti che fino a poco tempo fa si fronteggiavano in dure ed aspre dialettiche politiche non possano avere lunga vita e non siano rispettose della volontà degli spotornesi. Contano le idee oltre alle persone”.

Una versione di questo articolo è presente anche su IVG.IT

Condividi