Movida, anche nel golfo dell’isola vietati gli alcolici dopo le 2,30

Condividi

Sono 15 i comuni savonesi che hanno deciso di vietare la vendita di alcolici dalle 2,30 del mattino

Spotorno/Noli/Bergeggi. Dopo giorni di discussioni e dibattiti, soprattutto nell’ambito del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, ben 15 comuni hanno deciso di adottare l’ordinanza sindacale che andrà a vietare la vendita di alcoli dopo le 2,30 del mattino.

Tra i comuni aderenti troviamo anche Spotorno, Noli e Bergeggi, luogo di ritrovo di moltissimi giovani per le proprie serate di festa. Le disposizioni dell’ordinanza saranno in vigore fino al 31 agosto, a partire da oggi.

“E’ fatto divieto di somministrare e vendere al dettaglio e per asporto bevande alcoliche di qualsiasi gradazione dalle ore 2,30 alle ore 6.00 di ogni giorno nel periodo da venerdì 7 agosto e fino a lunedì 31 agosto; è fatto divieto di vendere al dettaglio e per asporto bevande alcoliche e superalcoliche (con gradazione superiore ai 21°di alcol) tutti i giorni dalle ore 20 alle ore 6 del giorno dopo da venerdì 7 agosto a lunedì 31 agosto”, tra le cose vietate dall’ordinanza.

E ancora: “E’ fatto divieto permanente di vendere al dettaglio e per asporto bevande superalcoliche (con gradazione superiore al 21% di alcol) dalle ore 20 del giovedì alle ore 6 del lunedì da venerdì 7 agosto e fino a lunedì 31 agosto 2020; è vietata la vendita per asporto fuori dai locali di bevande in bottiglie, bicchieri o altri contenitori di vetro e/o metallici da parte degli esercenti che svolgono la propri attività commerciale in sede fissa o su aree pubbliche, in laboratori artigianali, esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, circoli privati, market, distributori automatici e attività similari tutti i giorni dalle ore 20 alle ore 6 del giorno dopo nel periodo decorrente da venerdì 7 agosto a lunedì 31 agosto”, conclude la nota.

I trasgressori saranno puniti con una multa pecuniaria che va dai 100 ai 500 euro, oltre all’obbligo di ripulire il luogo dove è avvenuta l’infrazione.

Condividi