Le minoranza contro Fiorini: “Misure deboli, il sindaco non ci ascolta”

Condividi

Spotorno. Le tre minoranza di Spotorno, attraverso un comunicato congiunto firmato dai capigruppo Matteo Marcenaro, Franco Riccobene, Franco Bonasera e Massimo Spiga hanno messo il sindaco Mattia Fiorini di fronte ad alcune richieste per affrontare al meglio l’emergenza Coronavirus.

“Ribadiamo la nostra disponibilità a collaborare, al di là di ogni polemica e negli interessi degli spotornesi che ci onoriamo di rappresentare, nonostante il sindaco non abbia ritenuto di coinvolgerci, neppure in questo momento molto delicato, pur annunciando un tavolo con le categorie”, spiegano i quattro nella nota diffusa quest’oggi.

Ma la minoranza ci tiene a sottolineare come le misure presentate da Fiorini una settimana fa, tra cui la sospensione dei pagamenti di scuolabus, micronido e ludoteca “sono insufficienti”. Continua la nota: “Dobbiamo dunque registrare che le richieste avanzate dalle minoranze sono cadute nel vuoto e nessuna istanza è stata accolta. Crediamo sia urgente dare un segnale ai cittadini che vivono un periodo di grande ansia e che sono a contatto giornalmente con informazioni angoscianti”. E ancora: “E’ assolutamente necessario che l’amministrazione adotti le misure proposte, che le minoranze unitariamente intendono ribadire la sospensione delle tassazioni per le attività locali; la cancellazione, per il periodo di obbligo di chiusura, della Tosap, della tassa sul suolo pubblico e della tassa sulla pubblicità per le aziende coinvolte; la sospensione per il 2020 della tassa di soggiorno; la sospensione dei pagamenti dei parcheggi; la gratuità del suolo pubblico per le attività, che una volta riaperte, siano ancora obbligate a mantenere la distanza minima interpersonale e quindi abbiano necessità di ampliare il proprio dehor; lo stanziamento di un contributo per le famiglie in stato di necessità; la sanificazione dei luoghi pubblici, strade, vicoli, sottopassi, parco Monticello, ringhiere e quanto possa considerarsi pericolo per la salute pubblica”.

“A questo proposito abbiamo letto con piacere – conclude la minoranza – proprio oggi che la Confcommercio di Savona ha richiesto a tutti i sindaci della provincia la sospensione di tutte le imposte comunali e che alcuni sindaci abbiano già accolto con favore la richiesta. Inoltre chiediamo al sindaco quali precauzioni sono state adottate per tutelare l’incolumità degli ospiti delle case di riposo di Spotorno come Opera Pia Siccardi Berninzoni e la Quiete. In questi giorni si ha notizia che sempre più case di riposo in Italia devono fare i conti con la diffusione del virus ed è indispensabile che si organizzi a Spotorno un cordone sanitario attorno alle due strutture, con iniziative certe a tutela dei nostri anziani. Infine crediamo che durante questo drammatico momento che ha colpito l’Italia in generale e la nostra comunità in particolare sia superfluo e fuori luogo dare informazioni sulla piantumazione del parco Monticello e non della sua sanificazione”.

Una versione di questo articolo è presente anche su IVG.IT

Condividi