Il Coronavirus fa sospendere anche le messe

Condividi

Liguria. Continua a crescere la paura per il Coronavirus in Liguria, tanto che ieri è stata emessa l’ordinanza che, tra le altre cose, terrà chiuse le scuole fino all’1 marzo.

Ma non solo. Anche i vescovi liguri, vista l’emergenza, hanno deciso di adottare le proprie misure di sicurezza. Ecco i provvedimenti;

1. Che le chiese rimangano aperte.

2. La sospensione delle Celebrazioni eucaristiche con concorso di popolo a partire dalla mezzanotte di domenica 23 febbraio fino alla mezzanotte di domenica 1 marzo (termini previsti nell’ordinanza regionale).

3. Che nei locali e nelle opere parrocchiali non si prevedano incontri, iniziative, riunioni (compresa l’attività catechistica), annullando, in ogni caso, eventi precedentemente fissati.

4. Che i funerali e i matrimoni possano essere celebrati soltanto con la presenza dei parenti stretti.

5. Sono, altresì, sospesi convegni e riunioni di formazione a livello diocesano.

6. Le Curie rimarranno aperte al pubblico per erogare i consueti servizi.

7. La sospensione della Benedizione delle Famiglie.

LEGGI ANCHE:

“Ci rivolgiamo ai fedeli insistendo sulla necessità della preghiera affinché il Signore conceda la grazia della guarigione ai malati, consoli il dolore di chi è nel pianto e preservi l’umanità intera dal flagello della malattia e da ogni tribolazione” spiegano in una nota i vescovi di Albenga, Imperia e Savona. 

Condividi