“Hospital Party”, La Kava chiede scusa e si dissocia

“Hospital Party”, La Kava chiede scusa e si dissocia

- in Bergeggi

I gestori del locale: “Iniziativa di un collaboratore esterno. Devolveremo parte dell’incasso della serata all’Ordine degli Infermieri di Savona”

Bergeggi. Dopo la tempesta di polemiche scoppiata ieri intorno alla Kava, per la festa in programma ieri sera intitolata “Hospital Party”, oggi sono arrivate le scuse dei gestori del locale che hanno così accolto l’invito del sindaco di Bergeggi Roberto Arboscello. “E’ stata un’iniziativa di un collaboratore esterno, ci scusiamo con tutti”, hanno fatto sapere i titolari del locale.

Una festa che ha turbato soprattutto l’Ordine degli Infermieri di Savona, in particolar modo per come è stata promossa e pubblicizzata. Ed è proprio agli infermieri che la discoteca vuole chiedere scusa: “Spettabile Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia di Savona, la proprietà della discoteca ‘la Kava’ di Bergeggi si scusa per la indecorosa ed errata comunicazione che è stata pubblicizzata attraverso i social”, esordisce la lettera dei proprietari. “Il materiale è stato realizzato da un collaboratore esterno che, senza preventiva autorizzazione della proprietà, ha pubblicato il post con i contenuti e le immagini dalle quali la proprietà si dissocia in toto”, continua il testo.

Proseguono i gestori: “Ci scusiamo per non aver adeguatamente controllato e vigilato sul contenuto di quanto pubblicato, profondamente offensivo nei confronti della categoria professionale cui fa riferimento, che al contrario merita il nostro unanime plauso per il sacrificio affrontato nella emergenza Covid, e più in generale offensivo nei confronti di tutte le donne, ribadendo ancora una volta la nostra totale disapprovazione e smentita”.

A conferma di quanto scritto, il locale ha deciso di donare parte dell’incasso di ieri all’Ordine degli infermieri di Savona: “Abbiamo provveduto immediatamente alla rimozione dell’indegno post e ci scusiamo sinceramente per l’increscioso incidente. A concreta conferma delle nostre scuse una parte dell’incasso della serata sarà devoluto a favore dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia di Savona”, hanno concluso dalla direzione de “La Kava”. 

Condividi

Facebook Comments