Elezioni, Progetto Spotorno contro la lista Zunino: “Giù le maschere”

Elezioni, Progetto Spotorno contro la lista Zunino: “Giù le maschere”

- in Spotorno

Spotorno. Entra nel vivo la campagna elettorale a Spotorno dove, il 2 e 3 ottobre, si voterà per la nuova giunta comunale. Giunta che potrebbe essere formata nuovamente da Mattia Fiorini sindaco con Progetto Spotorno oppure da Giancarlo Zunino sindaco, per la lista Insieme Cambiamo Spotorno. Una campagna elettorale che prosegue con i fuochi d’artificio, soprattutto da quando le liste in corsa sono diminuite da 3 a 2 (dopo il ritiro di Bonasera, Spotorno che Vorrei è affluita dentro la lista di Zunino, proponendo Massimo Spiga come vicesindaco).

Un’unione non ben vista da Fiorini e i suoi, che con un manifesto hanno criticato questa scelta. ” In questi mesi abbiamo assistito allo spettacolo dell’incoerenza – si legge nel manifesto – dove Bonasera, Spiga, Zunino, Riccobene e Delbono devono spiegarci che credibilità hanno dopo che hanno dato vita ad una imbarazzante rissa tra di loro per mesi”. E ancora: “Non solo gli sfottò tra Bonasera, Zunino, Spiga e Delbono. C’è anche Riccobene, membro storico della sinistra spotornese, che ora si allea con il suo ex acerrimo nemico Zunino. Per non parlare di Davide Delbono, ex membro dimissionario della nostra giunta, ex militante del centrosinistra ed ex segretario del circolo Pd ora militante di centro destra. Il suo livello di coerenza è raccontato dal suo essere molte volte un “ex” e non solo”, prosegue il comunicato.

E, nei tanti esempi citati da Progetto Spotorno, spicca una domanda: “Questo gruppo di acerrimi avversari, scesi a impensabili compromessi pur di guadagnarsi una poltrona, hanno veramente a cuore il bene del paese?”. Conclude Progetto Spotorno: “L’amministrazione Fiorini ha lavorato 5 anni con competenza e serietà portando a termine opere strategiche, gestendo al meglio una pandemia e migliorando i servizi sul territorio. La nostra lista ripartirà da quanto fatto per il territorio e dalle nostre nuove idee. Gli altri sono solo uniti dall’odio verso la nostra amministrazione”.

Condividi

Facebook Comments