Cluster Savona, a Spotorno due positivi e 19 persone in isolamento

Condividi

Nel frattempo Spotorno aumenta e intensifica i controlli per i “furbetti” che non indossano la mascherina

Spotorno. Continua a far paura la situazione Coronavirus nella provincia di Savona e non solo. A seguito del cluster savonese, scoppiato in un noto ristorante della città del Chinotto, sono saliti a oltre 50 unità le persone positive.

Tra di esse anche due spotornesi che, la sera dell’8 luglio, si trovavano al ristorante per godersi una cena alternativa. Uno di loro è stato anche ricoverato in ospedale per difficoltà respiratorie, ma non si troverebbe in rianimazione. Oltre ai 2 positivi, ci sarebbero anche 19 persone in isolamento obbligatorio poichè contatti di possibili positivi.

Quest’ultimi hanno già fatto o comunque faranno il tampone nei prossimi giorni, ma rimarranno comunque in quarantena per almeno 15 giorni.

Sulla questione è intervenuto il sindaco Mattia Fiorini che, con un post su facebook, ha rivolto un appello pubblico affinchè si rispettino le regole per prevenire il contagio: “Come ho già detto, il virus circola ancora e purtroppo ci sono ancora delle persone che ignorano le più basilari misure di contenimento del contagio: indossare la mascherina che copra anche il naso, mantenere la distanza sociale e igienizzare spesso le mani. Purtroppo la categoria che più spesso trascura queste importantissime misure di sicurezza sono i giovani. Capisco il desiderio di socializzare e divertirsi dopo il lockdown, ma se malauguratamente ripiomberemo in un altro lockdown sarà peggiore del primo quindi faccio un appello ai ragazzi ed ai genitori: fate un piccolo sforzo mettete le mascherine e rispettate le distanze! Non siete immuni né voi, né tantomeno i vostri parenti che hanno contatti con voi o il prossimo che incrociate per la strada”.

E ancora: “In questi giorni abbiamo incrementato i controlli, e aumenteremo ancora per quanto possibile, perché la salute pubblica viene prima di tutto e non possiamo permetterci di tornare dal periodo in cui siamo -con enorme fatica- appena usciti. Dipende anche e sopratutto da ognuno di noi! Non abbassiamo la guardia”, ha concluso il primo cittadino.

Condividi