Bonasera e Marcenaro: “Imprenditori hanno bisogno di aiuti tangibili, stop a tutte le tasse comunali”

Condividi

“Solo dopo le nostre continue sollecitazioni il sindaco decise di aiutare le imprese. Adesso siamo in una situazione simile”

Spotorno. Affrontato il consiglio comunale di ieri sera, quest’oggi la minoranza presieduta da Spotorno Che Vorrei, Spotorno Nel Cuore e Adesso Spotorno ha voluto pubblicare il proprio resoconto, rimarcando come sia necessario venire incontro agli imprenditori colpiti dall’emergenza Covid.

“All’apparenza, visto l’ordine del giorno, avrebbe dovuto essere un consiglio
comunale “tecnico” ma le variazioni di bilancio “assurde” e dal sapore prettamente
elettorale hanno fatto sollevare più di una perplessità a Marcenaro e Bonasera.
Infatti, in questo momento è indispensabile prevedere dei fondi per aiutare
imprese e famiglie, e farlo celermente, ed i consiglieri di opposizione hanno
invitato il Sindaco ad attivarsi in quanto non vi è una “futura emergenza” ma
l’emergenza è oggi”, hanno spiegato i due consiglieri di minoranza.

Continuano i due: “Purtroppo ancora una volta durante la seduta il Sindaco ha provato a distorcere la realtà, Fiorini, infatti, ha avuto l’arroganza di dire che le minoranze, nel marzo scorso, proposero solo interventi a pioggia. Mentre come suo solito si è “dimenticato” di dire che nel consiglio comunale del 6 aprile 2020 dichiarò che le categorie economiche incontrate non gli avevano sollecitato particolari aiuti”.

Tra le proposte di sostegno al tessuto economico cittadino, Bonasera e Marcenaro propongono cancellazione per le aziende coinvolte e per il periodo di obbligo di chiusura, di tutte le tasse comunali quali Tosap e tassa sul suolo pubblico; cancellazione per le aziende coinvolte e per il periodo di obbligo di chiusura, della Tari (per i minori servizi fruiti e il minor conferimento in discarica); gratuità del suolo pubblico per gli ampliamenti dei dehor necessari a rispettare le distanze; sospensione per il 2020 della tassa di soggiorno.

In conclusione, l’accusa a Fiorini di non voler accettare i suggerimenti per sostenere al meglio la comunità: “Ci è quindi spiaciuto che ancora una volta il Sindaco non abbia voluto accettare il suggerimento di dare priorità al sostegno per famiglie e imprese spotornesi, accantonando immediatamente le risorse che potrebbero rendersi necessarie in vista delle prossime settimane (scelta già fatta da altre amministrazioni)
Lui ha preferito invece destinare 840.000 euro agli “asfalti elettorali”, ripetendo il
più datato cliché della politica nazionale, lui che si era presentato come il “nuovo
avanzante”.

Condividi