Bergeggi, “tolleranza zero” per chi dà da mangiare ai cinghiali

Bergeggi, “tolleranza zero” per chi dà da mangiare ai cinghiali

Il golfo dell’isola, Bergeggi e Spotorno in particolare, stanno affrontando l’emergenza cinghiali, con decine di avvistamenti (soprattutto sul territorio spotornese) ogni giorno. Gli animali, nel caso spotornese, si spingono anche fino al centro del paese e, in rari casi, persino sulla spiaggia. Scendono dai monti in cerca di cibo, cibo che sembra che riescano a trovare con facilità a Bergeggi.

A dimostrarlo è l’ultimo episodio avvenuto in Via dei Ginepri, dove è stato lasciato del cibo per i cinghiali. Non una mossa saggia quella compiuta da qualche cittadino, e di certo non è piaciuta al sindaco Roberto Arboscello che adesso passa all’attacco, annunciando tollerenza zero per chiunque sarà beccato a fornire cibo ai cinghiali.

“Complimenti a chi continua a dare da mangiare ai cinghiali nelle vie del paese… In questo modo non solo contravviene all’ordinanza che lo vieta, creando seri pericoli all’incolumità pubblica, ma quasi certamente condanna a morte i cinghiali. Mille incontri, telefonate, confronti, per arginare il problema nel pieno rispetto della sensibilità di tutti ed ecco il risultato. E siccome con le buone qualcuno non capisce, ora passiamo alla fase “tolleranza zero”. Quindi al via controlli serrati e sanzioni amministrative per quanti violeranno il dispositivo del Comune”, ha dichiarato Arboscello.

Condividi