Autovelox invisibili sulla Savona-Ventimiglia: interviene Striscia La Notizia

Condividi

Quasi 20 autovelox nuovi installati in posizioni invisibili: il caso ha fatto discutere e scatenato l’indignazione degli automobilisti

Savona-Ventimiglia A10. Ha fatto discutere scatenando l’indignazione degli automobilisti il caso dei 19 autovelox “invisibili” posizionati sulla A10, nel tratto Savona-Ventimiglia. Un caso che, nel giro di poche settimane, è diventato anche nazionale con la redazione di Striscia La Notizia che nella giornata di ieri, grazie all’inviato Capitan Ventosa, si è recata sul tratto autostradale in questione, per vedere da vicino gli autovelox incriminati.

Molti autovelox sono installati subito all’uscita delle gallerie, spesso nascosti dai muretti o comunque invisibili fino all’ultimo secondo. Altri, invece, nascosti dietro la cartellonistica stradale. Un modus operandi, secondo l’articolo 142 del Codice della Strada, non legale. E anche pericoloso perchè, come spiega Ventosa, gli automobilisti che vedono all’ultimo il velox tendono a inchiodare d’istinto, con il rischio di causare tamponamenti.

autovelox a10 striscia la notizia capitan ventosa
Uno dei velox all’uscita di una galleria della A10

Ma un’altra cosa che risalta subito all’occhio dei viaggiatori è il limite di velocità che cambia di continuo, a volte anche in prossimità di un autovelox. Si va dai 110 kmh per poi scendere a 90kmh e risalire a 100 kmh: un limite che oscilla sempre, non lasciando il tempo materiale al viaggiatore per rallentare.

CLICCA QUI PER IL SERVIZIO DI STRISCIA LA NOTIZIA

Ma se questi posizionamenti sono illegali, perchè sono stati fatti? Capitan Ventosa, mimando il gesto dei soldi, insinua: “Ma non è che l’hanno fatto per un altro motivo? Io che sono in buona fede non ci credo, però vado a chiedere”. Detto fatto.

In neanche un giorno è arrivata una lettera firmata Autostrada dei Fiori che, in risposta al servizio, ha fatto sapere che sposterà i velox invisibili prima di attivarli. Un ulteriore rassicurazione che si aggiunge alle indiscrezioni raccolte qualche giorno fa dalla testata IVG.IT: i 19 impianti non saranno attivi tutti assieme e per 24 ore al giorno ma solo in alcune postazioni e per poche ore ogni turno di controlli, saranno sempre accompagnati dalla presenza di una pattuglia della polizia stradale (che si presuppone ben visibile), e gli automobilisti saranno avvisati dell’attivazione dei velox con messaggi sui tabelloni luminosi.

Condividi